Piccola borghesia. Tra socialismo e fascismo

Piccola borghesia.
Tra socialismo e fascismo

Di fronte alla crisi dello Stato liberale e al «pericolo comunista» non solo i grandi ceti proprietari dirigenti ma soprattutto la piccola e media borghesia agraria rispose dapprima componendo una classe nuova e poi assumendo un protagonismo attivo che approderà al fascismo, partendo dalle campagne e giungendo rapidamente nell’interno delle città.

Nel comporre una linea di sviluppo basata su una «arcaica modernità», i ceti medi contadini definirono, dunque, i tratti originari della modernizzazione autoritaria di cui la dittatura fu interprete in Italia.

Una lettura originale della nascita e dell’avvento del fascismo offre lo spunto di riflessione sulla nostra modernità e sulle linee di faglia che la attraversano.

La composizione di una istanza regressiva a base di massa; la scomposizione dello Stato-Nazione contemporaneo; il ruolo dei ceti medi e la natura della loro crisi collegano le grandi questioni dell’oggi alle radici storiche dell’Italia contemporanea.

Un libro che, osservando la piccola borghesia al bivio tra fascismo e socialismo, indica le scelte del passato e le loro conseguenze e rappresenta una indicazione di indubbio valore sul tempo del futuro.

All'indomani della Grande Guerra del 1914-1918 in Italia, di fronte alla crisi dello Stato liberale e al «pericolo comunista» emerse il movimento fascista come fattore decisivo di rovesciamento di quegli equilibri politico-sociali che avevano caratterizzato il «biennio rosso». Non solo i grandi ceti proprietari dirigenti ma soprattutto la piccola e media borghesia agraria rispose dapprima componendo una classe nuova, quella dei piccoli proprietari, e poi assumendo un protagonismo attivo che approderà al fascismo, partendo dalle campagne e giungendo rapidamente all'interno delle città. È attorno al sistema economico composto dall'intersezione organica di profitto, rendita e salario (tenuti insieme dalla figura del piccolo proprietario terriero) che si trova una delle radici del fascismo come fattore organizzativo e d'azione regolato sul modello squadrista dalla reazione agraria in chiave anti-socialista. Una lettura della nascita e dell'avvento del fascismo. Un libro che, osservando la piccola borghesia al bivio tra fascismo e socialismo, indica le scelte del passato e le loro conseguenze e rappresenta una indicazione di indubbio valore sul tempo del futuro.

Odradek

La Libreria a impatto sostenibile                           

Via dei Banchi Vecchi, 57 - 00186 Roma

06-6833451

 

Davide Vender nasce a Roma nel 1966. Si laurea in Storia Contemporanea nella Cattedra del Prof. Franco De Felice. Discute una Tesi, frutto di ricerche d’archivio, sulla Congregazione di Carità di Roma in epoca fascista (Opere Pie). Allievo del Prof. Claudio Del Bello, Storia della filosofia moderna e contemporanea, seguirà il filone di ricerca sulla piccola borghesia e sui 3 libri del Capitale di Karl Marx. Il rapporto teorico e intellettuale con Claudio Del Bello lo conduce alla fondazione, nel 1996, della casa editrice Odradek. Ha curato, nella collana verde di storia orale, il libro cult: Una sparatoria tranquilla –per una storia orale del ’77-. Il 14 settembre del 1998 fonda con Katia Sardo e altri amici la famosa Libreria Odradek nel rione Parione, in Via Dei Banchi Vecchi 57 a Roma. A maggio del 2021 va in stampa il libro: Piccola Borghesia – tra socialismo e fascismo - , collana blu di storia contemporanea, Odradek Edizioni e diretta dallo storico Davide Conti. Il libro prende in esame la questione dei ceti medi, con particolare riguardo al loro rapporto con le origini del fascismo. Un testo innovativo e originale che sta facendo discutere e riflettere il mondo storiografico e quello politico. Un lavoro di ricerca scientifico che analizza lo sviluppo della piccola borghesia dall’inizio del novecento fino ai nostri giorni.

Ultime ricerche

  • Dell’Arte fantasma nell’umana salute

    Spesso la condizione necessaria del carattere "artistico", convinto di trasformazioni profonde e ineluttabili, profetizza sull'a...

    Ott 27, 2020

  • Piccola borghesia. Tra socialismo e fascismo

    Di fronte alla crisi dello Stato liberale e al «pericolo comunista» non solo i grandi ceti proprietari dirigenti ma soprattutto la...

    Ago 28, 2020

  • Dissipazione di un'identità

    Roma maggio 2011, in viale di Trastevere, nei pressi dell'angolo con via Carlo Tavolacci, proprio sotto il Palazzo degli Esami si si...

    Ago 27, 2020

  • Il caso dell'angolo mancante

    Quale ragione spiega la mancanza dell'angolo superiore destro? Se si opta per l'ipotesi la trattazione verrà sviluppata in riferime...

    Lug 28, 2020

  • Bologna, 15 giugno 1859

    Nel gennaio del 1859 a seguito di un'opera di persuasione messa in atto da Cavour su Napoleone III, viene firmato un trattato di all...

    Lug 27, 2020

Appello per una Avanguardia Ototopica
Iscriviti alla nostra newsletter!

Image
© 2022 Giuseppe Polegri. All Rights Reserved
Design & Developed by Joseph Conti