Sulla Teoria delle remissioni

Sulla Teoria delle remissioni

La dilatazione del tempo

Nelle introduzioni elementari alla Teoria delle Remissioni la dilatazione del tempo viene spesso dimostrata ricorrendo al cosiddetto "orologio perspicuo corporalis". Si tratta di un orologio biologico, costituito da un Lar che emette brevi impulsi di consapevole presenza verso uno specchio estroflesso. Si scandisce in questo modo il conteso terreno che si viene a porre sopra la vita stessa. 

Gli impulsi coscienti vengono riflessi e tornano quindi verso lo spazio limbico. La durata di un percorso completo di andata e ritorno può essere usata come base per scandire il tempo delle ore immense. Questa scansione temporale costituisce e vivifica il processo delle Remissioni. 

Aspettare il compimento delle Remissioni nel caso del manifestarsi del Lar è forse l’unica vera soluzione al problema. 

Solo attraverso la contemplazione possiamo giungere alla cognizione del Lar, un ente effimero, un essente impalpabile ma calato nel tempo nostro e pienamente esistente. 

Quanto egli si mostri ostinato a voler tornare ad esistere in carne e sangue oltre che in spirito non può da noi esser ignorato. Dall'istante infatti che il Lar perse la sua terrena esistenza e si trovò al di fuori dal sentiero della vita, volendo esser ancora e ancora vivo nel mondo, tra gli affetti consueti e famigli, si mise in cerca di un albergo.

Ebbe certamente ad essergli stato odioso quel momento finale, allor quando trovandosi nello stato di abbandono, dovette dismettere ogni propria memoria cara. 

Legami sentimentali di forza non comune gli consentirono di incatenarsi inesorabilmente alla terrena regione dove il suo affetto era ed è ancora presente. 

Il Lar aveva incatenati i sentimenti suoi a quei luoghi. I ricordi, che formavano tutto il racconto di sé, si avviluppavano tra le scene rappresentate nel corso della vita che ora, tutte lì innestate nel tempo e nella storia, testimoniavano di quella sua forte volontà di sopravvivere, a non soccombere all’oblio. 

Nel celebrare empatiche rimembranze si rafforzava così il suo convincimento, la sua identità. Con atti proditori, legittimi ai suoi occhi, progettava di servirsi di quelle forme vive a lui prossime. Atti necessari per assicurarsi la propria conservazione. Era, ed è, convinto di salire al non-tempo dove, esponendo i propri diritti e le proprie ragioni, si affermerà.  

Image

Chorus for The Limes

Image

Latent observation

Image

Tomorrow Is a Long Time

Ultime ricerche

  • Le umanazioni

    Quello che si rappresenta in modo chiaro nelle "umanazioni" è il percorso che ogni Lar intraprende per coinvolgere il corpo nel suo...

    Lug 27, 2020

  • Vortex vs Ruach

    Alterato dalle forze della vorticità intra moenia, perturbato dalla forza predominante, il notorio caso della paramnesia si riconos...

    Lug 27, 2020

  • Sulla Teoria delle remissioni

    Nelle introduzioni elementari alla Teoria delle Remissioni immanenti la dilatazione del tempo viene spesso dimostrata ricorrendo al ...

    Lug 27, 2020

  • Come un sentiero errante

    Tra le scoperte che possiamo considerare indicative alla ricerca sugli effetti della paramnesia vi sono quelle relative al cosiddet...

    Lug 27, 2020

  • Magister primo

    La ragione diretta quale strumento di discernimento del significato fisico dell'equazione della vorticità può essere considerata l...

    Lug 27, 2020