Invito alla Quadriennale

Invito alla Quadriennale

Invito

Image

Scheda di iscrizione

Image

Cartello per l'accesso alla quadriennale

Image

Albero

Image

Invito della Quadriennale

Image

Comunicato stampa della Quadriennale

Image

qualche immagine dello spazio espositivo

Ma solo l’operazione messa in atto durante e dentro la Quadriennale da Cesare Pietroiusti- Giochi del senso e/o non senso – riesce a sottolineare i paradossi dell’evento. Dilatando all’eccesso l’invito, esteso a tutti coloro che si ritenessero artisti esclusi dalla manifestazione, ottiene come risultato l’adesione compatta di circa 260 artisti e provoca scompiglio all’interno della lineare manifestazione. 

Tratto da: A Roma… Una parte della storia, dal 1980 al 1998. di Claudia Colasanti

Invito alla Quadriennale (1996)
Nella primavera del 1996 ricevetti l’invito a partecipare alla XII Quadriennale di Roma. Alla soddisfazione si accompagnava il disappunto di verificare che, fra i 170 artisti invitati non ce ne era praticamente nessuno di tutti quelli con cui avevo, negli anni precedenti, condiviso esperienze e prese di posizione. Di conseguenza, decisi di allargare l’invito ricevuto e di proporre a quegli artisti-amici di esporre, con me, nello spazio messo a disposizione per i miei lavori (quantificato, per regolamento, in 16 metri quadrati). Fra gli altri, ne parlai al gruppo di artisti (e non), di cui facevo parte, denominato «Giochi del senso e/o nonsenso».

Tratto da:  Cesare Pietroiusti Doppio legame
Trappola neoliberista e controparadosso artistico
AURA
su operavivamagazine.org

Qualche anno dopo, nel 1996, è invitato a partecipare alla XII Quadriennale di Roma, un'esibizione che si costituisce dietro l'ipotesi di poter dare visibilità a tutti quegli artisti che abbiano fatto, negli ultimi anni, un lavoro sufficientemente continuativo e qualitativamente accettabile. Indeciso se parteciparvici o no, compie un'operazione polemica; lo spazio a sua disposizione è di circa 16 m². Pietroiusti gira l'invito ad altri artisti che a suo parere dovrebbero essere stati coinvolti ad esporre nello spazio a lui riservato. L'invito si estende poi agli artisti invitati dai primi artisti, fino ad aprire l'invito a chiunque voglia partecipare. Qualche riga sul quotidiano Il messaggero informa della possibilità di partecipare all'esibizione in maniera del tutto libera e gratuita.
Lo studio dell'artista diventa un ufficio che accoglie le opere di qualsiasi autore voglia partecipare. Il risultato, nella sala della Quadriennale, è un'esibizione di centinaia di opere di centinaia di artisti. Pietroiusti disegna uno schema ad albero della diramazione degli inviti. Seguono incontri e riunioni degli artisti prima, durante e dopo la Quadriennale, dove si discute degli spazi e dei sistemi destinati all'arte in Italia. L'invito all'artista si tramuta in un lavoro del collettivo I Giochi del Senso e/o del Non-Senso, un gruppo che si interessa della messa in questione delle barriere fra arte e realtà, fra cultura alta e bassa. Centinaia di autori partecipano all'esposizione, riservata ai soli artisti invitati dall'Istituzione. L'artista utilizza le faglie del sistema organizzativo della grande mostra (a cui critica uno stampo antico e fascista) per aprire lo spazio a chiunque voglia partecipare. La proposta di ampliare l'invito non vuole e non può dare chissà quali possibilità a coloro che sono stati esclusi, ma intende metterne in luce un meccanismo altrimenti oscuro. È chiaro come, in tutte queste opere, la ricerca è tesa alla relazione con l'altro, alla creazione di un tessuto relazionale, o alla messa in discussione delle norme sociali.

Tratto da: for you Il dono nell'arte contemporanea, di Miriam Elettra Vaccari. Uncolsed.eu

Ultime ricerche

  • Bologna, 15 giugno 1859

    Nel gennaio del 1859 a seguito di un'opera di persuasione messa in atto da Cavour su Napoleone III, viene firmato un trattato di all...

    Lug 27, 2020

  • Perugia, 21 giugno 1859

    21 giugno 1859. Perugia. Alle tre pomeridiane, la inizia l’assalto e gli Svizzeri attaccano le postazioni dei ribelli, dopo...

    Lug 27, 2020

  • Macerata, 20 giugno 1853

    Il 1853 è l'anno che vede i patrioti maceratesi F. Bavai, E. Castelletti, E. Giacometti, Fr. S. Grisei, G. Latini e V. Taccari di S...

    Lug 27, 2020

  • Lago di Garda, preparativi austriaci 1859

    Amico caro Respingo la minuta che desiderate. Ho parlato per la licenza bramata dal Sig. Monti, chè stato dispensato da questa Poli...

    Lug 27, 2020

  • Aldo Massari

    Ogni qual volta si tenta di rappresentare la realtà umana si tratteggiano quei segni distintivi di un supposto valore positivo ...

    Lug 27, 2020