La vita e le opere del nato re delle carte

"Quindi verificansi nelle universali menti che in natura sono di tutte le molecole riflesse della materia ponderabile le attrazioni di foriere animule" 

La ragione diretta quale strumento di discernimento del significato fisico dell'equazione della vorticità può essere considerata la linea guida che ha seguito fedelmente nelle sue ricerche e che ha valorizzato al meglio ogni caso semplificando la descrizione del palesarsi di un fluido incomprensibile non vincolato, non sottoposto a forze esterne.

Dal volume:

Il potere e i modi della paramnesia.

Tipi, fattori e tecniche di sua manifestazione

Le prime osservazioni dei fenomeni paramnetici risalgono all’antichità – negli antichi Egizi l'essenza spirituale dell'uomo aveva un costrutto quale risultato dell'unione di tre elementi soprannaturali: il ba, il ka e l'akh. Agli antichi greci era nota la proprietà della paramnesia di attirare la umoralità del carattere proteso alla fantasticheria – Un agognare paramnetico libero di ruotare intorno ad un concetto assertivo sottoposto si orienta con una delle sue metodiche di auto-riconoscimento verso il Sé e l’altra verso il ri-conoscimento dell'apparente non conosciuto.

I vortici dei fluidi sviluppati dallo Spiritus loci interagiscono tra loro con forze attrattive o repulsive – polarità di Sé distinti si attraggono, polarità presenti nello stesso Sé si respingono.

I poli paramnetici di Sé distinti non possono essere separati nel processo di vorticità perché essa implica la conservazione del momento angolare: non esiste quindi il mono-polo paramnetico.

Se si tenta la scissione una caratterialità paramnetica in fieri si ottengono evocazioni riflessive di difesa dove due nuove umoralità, entrambe con una espressione consapevole ma ignara l'una dell'altra convivono.

arrow
arrow

Pin It
Cookies make it easier for us to provide you with our services. With the usage of our services you permit us to use cookies.
More information Ok