113 stelle cadenti e non

113 stelle cadenti e non
A BASSANO IN TEVERINA, (VT), prima edizione della RASSEGNA INTERNAZIONALE DI ARTE CONTEMPORANEA STELLE CADENTI dal 10 al 22 di agosto 1995. Le vie, gli ipogei etruschi, le sale, le pareti del castello ospitano le opere degli artisti nel BORGO ANTICO DI BASSANO IN Teverina, in provincia di Viterbo.
L'intervento sul territorio consisteva nella disposizione di una serie di contenitori in vetro lungo un tratto di una via del paese. I contenitori erano sospesi con fili di nylon a varie altezze e legati tra loro a formare una rete in modo da attraversare la via nei due lati. L'effetto voleva essere di sospensione, trasparenza, e, con l'utilizzo di filamenti intrecciati di collegamento tra gli elementi.
I contenitori avevano all'interno dei foglietti colorati ognuno dei quali riportava un messaggio. I testi sono il risultato di una raccolta fatta in precedenza presso due realtà che operano nell'ambito del recupero dei tossicodipendenti a Roma: la Comunità Terapeutica Fondazione "Villa Maraini" e il Servizio Assistenza Tossicodipendenti della U.S.L. RM 1.
Nel tratto di strada occupata dai contenitori sospesi, sono stati collocati dei book dove era possibile leggere i messaggi raccolti nei contenitori di vetro.
Infine ai visitatori veniva richiesto il loro contributo: scegliere il colore del biglietto e quindi scrivere un loro desiderio.
I contenitori sono in vetro trasparente con coperchio in plastica nera, in origine utilizzati per inchiostri colorati, sono collegati a fili di nylon mediante un foro nella parte superiore del coperchio. All'interno di ogni contenitore viene inserito uno dei biglietti colorati e manoscritti, in parte firmati. I biglietti sono le testimonianze personali rilasciate anonimamente, raccolte in precedenza presso spazi pubblici.

Invito

Il progetto è stato presentato presso Sala 1 durante il secondo incontro "Interventi a catena" che seguiva il precedente su Cesare Pietroiusti.
Sala uno

Mémoires 1967 - 2007: Cronistorie d'arte contemporanea - Sala1

Gangemi Editore

Di Pierluigi Albertoni, Tito Amodei, Jacopo Benci, Mirella Bentivoglio, Antonio Capaccio, Fabrizio Crisafulli, Nicola De Risi, Marina Engel, Stefano Fontebasso De Martino, Marie Eve Gardère, Liliana Gregorin, Simonetta Lux, Victor Misiano, Domenico Nardone, Francesco Pezzini, Antonella Pisilli, Lucia Ronchetti, Silvia Stucky, Emanuela Termine
"INCONTRI A CATENA. Incontro con Giuseppe Polegri, 24 aprile 1996, indicato da Cesare Pietroiusti, Giuseppe Polegri illustra il proprio percorso di ricerca caratterizzato da una natura indagativa, che muove da un interesse prevalentemente umano. sociale, relazionale e psicologico." p. 154
Presso Sala Uno è stato descritto il progetto con la proiezione delle immagini riguardanti l'installazione.

Sala 1 Interventi a catena: Cesare Pietroiusti

Audio del 21 Marzo 1996

Comunicato stampa

Mémoires 1967 - 2007

Author’s Posts

  • Teoria politica dell’arte

    Riflessioni a partire da Hannah Arendt Partendo da un’analisi puntuale della teoria politica di Hannah Arendt, questo libro si pro...

    Set 18, 2020

  • Non è vero

    Disordinazioni: un' avanguardia subliminale di massa. "Disordinazione" è un termine non comune nella lingua italia...

    Ago 28, 2020

  • Lennon not Lenin

    Il muro di Berlino erano due. Un romanzo di reduci un po’ disadattati del ’68. Un romanzo che gioca con il Mur...

    Ago 28, 2020

  • Aldo Massari

    Ogni qual volta si tenta di rappresentare la realtà umana si tratteggiano quei segni distintivi di un supposto valore positivo ...

    Lug 27, 2020

  • Incontri in via dei Serpenti a Roma

    Giochi del senso e/o non senso con Cesare Pietroiusti organizzano 3 incontri in via dei Serpenti a Roma nel 1996, propedeutici all'i...

    Lug 27, 2020