Dell’Arte fantasma nell’umana salute 20192020

Dell’Arte fantasma nell’umana salute 20192020
Spesso la condizione necessaria del carattere "artistico", convinto di trasformazioni profonde e ineluttabili, profetizza sull'arte, regredendo a una percezione alterata del “Sé”...

Sull’opera delle “Vite parallele di Joseph Conti”

Note sono le dinamiche che ebbero sì chiara trattazione nella ricerca di Joseph Conti. Gli Elementi di Joseph Conti sono la più importante opera ototopica giuntaci dalla cultura precedente al passaggio successivo. Composti attorno al secolo del lume ritrovato, rappresentano un quadro completo e molto articolato dei principi della ototopia noti al tempo e furono alla base della speculazione sul discernimento autoreferente fino al termine di quel secolo. L'opera consiste in vari libri: i primi riguardanti l'ototopia deduttiva, i successivi i rapporti tra soluzione della parte attiva e gli ultimi tre l'azione diffusa ipersolida. Qui si fa riferimento solo al primo dei libri. Esso è composto da definizioni, postulati, nozioni comuni e proposizioni sulla deduzione ototopica. Nelle “definizioni” Joseph Conti presenta tutti gli “enti ototopici” dei quali si occuperà nella sua trattazione. Il suo modo di concepire una definizione è essenzialmente diverso dal nostro; infatti nelle definizioni Joseph Conti descrive elementi che sono “esistenti in inclusione”. Afferma Joseph Conti: “non si tratta per il cui di loro l'essersi in ciò causa di quel di cui", anteponendosi all'atto stesso dell'includere (in forma di rigorosa contraddizione) di costruire cioè concetti di causa a sé, quasi di creare nel nostro spirito quegli enti ototopici che vengono considerati. Si tratta invero di descriverli opportunamente, facendosi complici, anzi parti attive degli enti ototopici, affinché possano essere facilmente riconosciuti in noi e oltre noi attraverso una soddisfacente nomenclatura. Questi enti ototopici, cioè, esistono già: la definizione ha per Joseph Conti non soltanto il senso di individuarli ma di riconoscerli come nostre stesse membra. Arte come carne e sangue, respiro e pensiero dell'artista attraverso il concepimento ototopico del tutto. Ecco perché negli Elementi dell'esperienza ototopica troviamo all’inizio, al primo posto, proprio quella definizione di punto alla quale la sistemazione moderna, partendo da altre vedute, ha rinunziato. Gli enti ototopici sono quelli della nostra intuizione, e son concepiti come realmente esistenti al di fuori di noi ma all'interno del mondo che siamo noi.”
Image

Spesso la condizione necessaria del carattere "artistico", convinto di trasformazioni profonde e ineluttabili, profetizza sull'arte, regredendo a una percezione alterata del “Sé”...

"Acciocché niun più abbia a che giudicare dell'inerzia mia con una di poi, si dice che, e del tal altro si offre insieme con l'agire, non si afferma che le meritazioni, non altrimenti che il suo stesso, compiano un mero rito.
Non si tralasci di sentir la spirazione ogni giorno. Ma ciò che più importa è che a coloro, i quali ascoltano la spirazione si applicano in particolare i meriti. La spirazione dee sentirsi per i fini per cui è stata istituita.” Aabel Abab , Divino Panegirico Ototopico, capitolo XIX, 19-20).

Materiali:

2 lastre: PLEXIGLAS® LED for back lighting, White WH14 GT, 300 mm x 400 mm
1 foglio A4 PhotoCopy-Film PCF 430 Pelikan® con stampa in nero di un testo realizzata con stampante laser Canon® LBP 2900
Identica stampa su foglio di carta A4 inserito in busta di carta formato 230 x 110 mm
4 viti + 4 dadi in acciaio INOX e titanio VIRGUE®, lunghezza 1 cm

Descrizione:

Un testo, stampato su un foglio trasparente e posto tra due lastre di plexiglas opache che permettono di percepirne la presenza ma ne impediscono una chiara lettura, riporta un pezzo dal titolo: Tratto dall’opera delle “Vite parallele di Joseph Conti”.
Lo stesso testo è consegnato in busta chiusa al depositario del manufatto. Divulgare parzialmente o in toto il contenuto del testo sarà una scelta esclusiva del proprietario.
Image

Installazione

Image

Manifesto

Inaugurazione

Help:

Dom 19 lug, 02:12

Ciao Giuseppe
Ti scrivo perché purtroppo nella tua opera, per la mostra al Museo Carlo Bilotti, il foglio tra le due lastre di plexiglass sta lentamente scivolando fuori. Speriamo che resista fino al termine della mostra che dovrebbe stabilito (salvo ulteriore proroga) per fine agosto. Dopo di che, magari, ci vediamo e mi dai qualche consiglio per sistemarla. Il foglio si è staccato/scollato ed ora è tutto storto e sta scivolando giù fuori dalla due lastre in plexiglass, io spero proprio che resista altrimenti penso che rimuoveranno l'opera, per riconsegnarmela alla fine. Se per caso passi dalle parti del Museo, e ti va, puoi fare una scappata (tanto non c'è bisogno della prenotazione anche se via internet la richiedono per prassi) e renderti conto della situazione.
Un abbraccio
pino boresta
Image

La squadra

Intervento:

Appuntamento alle 15.30 del 22-07-2020
Partecipanti: Giuseppe, Paola, Davide

1. Rimozione lastra
2. Apertura della lastra attraverso l'asportazione delle viti di fissaggio mediante brugola.
3. Sollevamento del foglio A4 PhotoCopy-Film PCF 430 Pelikan®.
4. Applicazione della colla UHU Plast Special Modellbau Kleber nella parte superiore del foglio.
5. Breve attesa per una evaporazione della sostanza adesiva.
6. Riposizionamento del foglio e sua adesione alla lastra posteriore.
7. Chiusura della lastra e fissaggio delle viti
8. Riposizionamento con moto di rivoluzione attorno ad un centro di senso con esplicito consenso.
Image

L'atto

Image

Il risultato

Author’s Posts

  • Teoria politica dell’arte

    Riflessioni a partire da Hannah Arendt Partendo da un’analisi puntuale della teoria politica di Hannah Arendt, questo libro si pro...

    Set 18, 2020

  • Non è vero

    Disordinazioni: un' avanguardia subliminale di massa. "Disordinazione" è un termine non comune nella lingua italia...

    Ago 28, 2020

  • Lennon not Lenin

    Il muro di Berlino erano due. Un romanzo di reduci un po’ disadattati del ’68. Un romanzo che gioca con il Mur...

    Ago 28, 2020

  • Aldo Massari

    Ogni qual volta si tenta di rappresentare la realtà umana si tratteggiano quei segni distintivi di un supposto valore positivo ...

    Lug 27, 2020

  • Incontri in via dei Serpenti a Roma

    Giochi del senso e/o non senso con Cesare Pietroiusti organizzano 3 incontri in via dei Serpenti a Roma nel 1996, propedeutici all'i...

    Lug 27, 2020