La signora Maria 2

Installazione segnaletica turistica

Nel 1996 un secondo intervento con la realizzazione di un pannello in quattro copie in tutto simile al primo nei materiali utilizzati e che riportava alcuni passaggi di un dialogo avuto con la signora Maria presso le panchine di piazza Cavour a Roma.

Conversazione con la Signora Maria. 27 gennaio 1996

Conosco vite, che potrei perdere | senza Sofferenza – | di altre - un istante di assenza – | sarebbe un'Eternità...

Emily Dickinson, J372 (1862) / F574 (1863)
Nel 1996 un secondo intervento con la realizzazione di un pannello in quattro copie in tutto simile al primo nei materiali utilizzati e che riportava alcuni passaggi di un dialogo avuto con la signora Maria presso le panchine di piazza Cavour a Roma.
Il contenuto del pannello era il seguente:

"EMBLEMA ROMANO"

A.D. MCMXCVI

A FUTURA MEMORIA

Io mi chiamo Maria.
Da bambina so' vissuta co' genitori, dopo ho preso lavoro qui a Roma nel 1936 e m'hanno sempre trattata male perché è dura in famiglia, è più dura fori! Però indietro non poteva ritornare perché i genitori non me volevano più, allora ho voluto da fa' molta resistenza a tutte le cose: se te piaceva da mangià, se non te piaceva. se te piaceva quel lavoro o non te piace, insomma, tutta na resistenza fino adesso, ecco che ho fatto!
Perché vive qua?
Sempre pe' le gente cattive, sempre pe' le gente cattive intorno casa, in dentro casa, e allora io ho voluto scappare pe' trovà la solitudino, ma, trovata la solitudino, manco bene me va!
La notte, quando fa freddo, dove si sistema?
Eh! Me sistemo male perché non se pò andà in dei posti che hanno fatto! Dei posti che hanno fatto non se pò andà perché, io ho veduto, non è pe' mé! Perché non me piacene! Io, a un metre quadrato, i lette a castelle, ho! Non posso sta' a dormì co' quattro persone, a me, me serve l'aria! Pò senz'aria! No, no! Peccarità!! ... E fanno la propaganda che "loro" fanno del bene, e invece fanno il male, no il beno, ecco qua! Gli altri fanno danno e io ce vado pe' le piste, bella roba! M'hanno picchiate bene m'hanno levato pure qualche soldino. Non lo voglio el “bene”, perché se a me me danno qualche soldino viene el ladro e se lo prende! Allora a me non me l'hanno fatto el bene, l’anno fatto a quello che fa 'l danno! Non è che dice_"io glielo do e te lo godi", no!
Questa al libro mio non c'è scritto!
ROMA & AMOR
Il pannello veniva collocato su tre pali nella piazza Cavour. Il primo di fronte al Palazzo di Giustizia (Corte suprema di cassazione), il secondo orientato verso l'adiacente via Vittoria Colonna, il terzo verso la Chiesa Evangelica Valdese. Una quarta copia sarebbe poi stata utilizzata in altra occasione, presso la Temple University a Roma.

Author’s Posts

  • Aldo Massari

    Ogni qual volta si tenta di rappresentare la realtà umana si tratteggiano quei segni distintivi di un supposto valore positivo ...

    Lug 27, 2020

  • Incontri in via dei Serpenti a Roma

    Giochi del senso e/o non senso con Cesare Pietroiusti organizzano 3 incontri in via dei Serpenti a Roma nel 1996, propedeutici all'i...

    Lug 27, 2020

  • Invito alla Quadriennale

    Fra gli altri, ne parlai al gruppo di artisti (e non), di cui facevo parte, denominato «Giochi del senso e/o nonsenso».

    ...

    Lug 27, 2020

  • Il gioco del senso e/o non-senso

    Al "gioco del senso e/o non-senso"possono partecipare tutti.

    ...

    Lug 27, 2020

  • Alias

    Fuori Uso è una rassegna d'arte contemporanea, che nel 1997 ospita Studi Ricerche Conemporanee con l'iniziativa...

    Lug 27, 2020